Chi deve preoccuparsi della caldaia? 3 diverse situazioni messe a confronto

Che ruolo ha l’amministratore di condominio

Nel momento in cui la caldaia serve per la produzione di acqua calda e riscaldare tutti gli appartamenti di uno stesso condominio, allora responsabilità ricade sull’amministratore di condominio se ce n’è uno o chi ne fa le veci. Questa figura ha l’onere di contattare la ditta di manutenzione e assistenza caldaie beretta a Roma ogni volta che risultasse necessario, sia per controlli di routine ma anche per blocchi, guasti, problemi etc. In questo caso però non è l’amministratore di condominio che paga il conto ma il costo vien diviso tra tuti gli utilizzatori della caldaia comune.

Come funziona nel caso di caldaia privata

Se la caldaia non è di tipo centralizzata ma è autonoma, cioè di proprietà del singolo appartamento, la situazione cambia un po’ per quanto riguarda la responsabilità. I casi sono principalmente due e bisogna vedere se chi occupa l’appartamento servito dalla singola caldaia è il proprietario oppure l’affittuario.

Di solito, la responsabilità spetta al proprietario di casa che deve preoccuparsi di chiamare la ditta di manutenzione e assistenza caldaie beretta a Roma secondo quando deciso dalle attuali disposizioni di legge. è lui che dovrà conservare il libretto di impianto e fornirlo al tecnico quando arriva per consentirgli di caprie che tipo di interventi sono stati eseguiti nel corso del tempo. Il proprietario ha la responsabilità anche degli altri impianti e caldaie presenti in case di sua proprietà se non sono abitate da altri.

Se l’appartamento servito da una caldaia autonoma vien dato in affitto, allora il ruolo del responsabile ricade sull’affittuario. Questo chiamerà a sua discrezione il tecnico della calida in base a quanto prescritto dalla normativa ma potrà anche rivolgersi a un’altra ditta a sua scelta se lo ritenesse opportuno. Il costo degli interventi, ordinari o anche straordinari che siano, vien pagato solda lui e non diviso con il proprietario. Se il contratto di affitto dovesse scadere o venisse rescisso prima del tempo, è di nuovo il proprietario il responsabile dell’impianto.