Quali sono i problemi che portano a chiamare lo specialista del piede?

Se vi occorre uno specialista del piede per diagnosticare il tipo di disturbo che vi affligge, affidatevi solo a esperti del settore che lavorano in maniera professionale e con la massima serietà.

Oggi vi mostriamo i tot problemi principali che riguardano i piedi. Vi ricordiamo che nei casi più gravi occorre l’intervento chirurgico.

  1. Piede piatto

Si parla di piede piatto, quando l’arco plantare si riduce. Questo come conseguenza porta il soggetto ad appoggiare il piede completamente a terra. Dunque, il piede deve occupare una superficie maggiore. Potete causarvi il piede piatto anche con uno sforzo eccessivo, come per colpa di una tendine tibiale. Insomma, non è affatto facile diagnosticare subito la causa del problema. Vi basta pensare che anche l’obesità può scatenare il piede piatto. Solitamente la fisioterapia aiuta molto ma non è la soluzione definitiva.

  1. Alluce valgo

L’alluce valgo lo potete individuare facilmente visto che è comune e sicuramente vi sarà capitato di vederlo almeno una volta a qualcuno. Il termine indica una particolare condizione fisica, in cui avviene uno spostamento da parte dell’alluce e questo in modo laterale. L’alluce quindi si sposta verso le altre dita. La forma può ricordare quella di una cipolla, non è piacevole a vista e neppure da provare. La metatatarsalgia (il non appoggiare sull’alluce) è uno dei fattori che lo possono interessare. Così come la postura sbagliata è un’altra causa. Potete impiegare dei plantari, come fare uso della fisioterapia. Deve comunque essere il medico a dare l’approvazione.

  1. Dita a martello

Le dita a martello sono altrettanto note quando si parla di disturbi principali dei piedi. Gli anziani ne soffrono facilmente, ma anche gli adulti giovani possono averlo. Ricordatevi che è una deformazione e quindi non dovete far finta di niente. Il problema qui presente, causa dolore, infiammazione e arrossamento oltre che calli e infezioni. Le cause inerenti sono molte, tra queste vi ricordiamo patologie reumatiche, traumi, genetica etc. Lo squilibrio muscolo-tendineo tuttavia è in genere il motivo più comune che porta ad avere le dita a martello.

  1. Neuroma di Morton

Il neuroma di Morton è un dolore di tipo plantare. La parte colpita è piuttosto estesa, colpendo infatti le dita dei piedi. Attraverso alcuni esami specifici (come l’ecografia) i medici possono vedere che il nervo plantare è ingrossato. Tale condizione è più comune nelle donne, per quanto riguarda le cause ricordiamo che le calzature non adegute possono incidere molto. Così come appoggiare il piede scorrettamente, l’alluce valgo o rigido e non solo. Non è affatto piacevole da provare, generalmente il primo disturbo avvertito è una scossa elettrica.

  1. Tendine di Achille

Il Tendine di Achille si compone da fili intrecciati. La sua formazione la si deve grazie al collagene. I tendini possono essere a rischio di innumerevoli problemi. Per esempio malattie del collagene, malattie metaboliche e non solo. Anche gli squilibri alimentari possono incidere moltissimo. Camminare diventa praticamente impossibile quando il disturbo raggiunge una situazione medio alta.